L’Apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e all’occupazione dei giovani.

 

La normativa di riferimento in materia di Apprendistato è racchiusa negli articoli 41-47 del Dlgs. 81 del 15 giugno 2015 attuativo del così detto Jobs Act (L. 34/2014) aggiornato attraverso il Decreto Interministeriale 296/2015 e il Correttivo Lavoro Dlgs. 185/2016.

Obiettivo dell’Apprendistato è quello di favorire l’inserimento di giovani in impresa, sviluppando in essi le competenze tecniche e trasversali necessarie per apprendere come svolgere una data professione, acquisire professionalità nel lavoro e rafforzare le capacità di apprendimento continuo e trasformativo.

 

Tipologie di apprendistato

Il contratto di Apprendistato si declina secondo tre tipologie:

  • Apprendistato per la qualifica e il diploma professionale, il diploma di istruzione secondaria superiore e il certificato di specializzazione tecnica superiore (I livello)
  • Apprendistato professionalizzante (II livello)
  • Apprendistato di alta formazione e ricerca (III livello)

 

Elementi in comune

Tutte e tre le tipologie di contratto di Apprendistato hanno in comune:

  • la forma del contratto
  • la durata minima di 6 mesi e la possibilità di prolungare il periodo
  • il piano formativo individuale e la presenza di un tutor
  • la disciplina del recesso e del preavviso
  • la possibilità di finanziare i percorsi formativi tramite fondi
  • la possibilità del riconoscimento della qualificazione professionale
  • i limiti di apprendisti

 

Link utili